I DOPOCENA STORICI - Secondo ciclo

Dopo i primi tre incontri di fine 2023, che avevano visto protagonista soprattutto l’agricoltura delle nostre zone, tornano nella Biblioteca Civica G. Monticone di Canelli i Dopocena Storici, proposti dall’associazione Memoria Viva in collaborazione con la Biblioteca stessa. L’idea di base è di creare una serie di appuntamenti fissi in cui si alternino temi storici a carattere locale e argomenti di più ampio respiro, variando per quanto possibile la squadra dei relatori.

CALAMANDRANA - GIORNO DELLA MEMORIA 2024 - Commemorazione di Luigi Therisod e posa della Pietra d’inciampo

Domenica 28 gennaio, ore 10, a Calamandrana, nel salone comunale sarà ricordata la figura di Luigi Therisod, deportato politico, ucciso a soli 19 anni nel campo di Mauthausen-Gusen. Dopo i saluti istituzionali, interverranno Simone Falco, presidente dell’Aned di Savona, Maria Pia Di Matteo (presidente Memoria Viva) e Franca Oliva, alla guida dell’Anpi di Alassio. Seguirà la posa della Pietra d’inciampo alle ore 11 in via Roma 26, di fronte alla casa dove abitò Luigi Therisod.

ALBA - Mostra Dalla Resistenza alla Costituzione

Venerdì 26 gennaio si inaugura in Alba, presso la Chiesa della (via Vittorio Emanuele 28), la mostra storico-didattica sulla Costituzione italiana, dedicata alla conoscenza dei punti essenziali della nostra legge fondamentale. La mostra, proposta dall’Azione Cattolica Regionale e dall’associazione Memoria Viva di Canelli, elaborata a cura di Vittorio Rapetti e di Mauro Stroppiana, si inserisce in un progetto di educazione civile popolare che mira a far scoprire i fondamenti della nostra convivenza civile e del nostro stato.

I DOPOCENA STORICI IN BIBLIOTECA MONTICONE A CANELLI

Dopo i Caffè Filosofici e gli Aperitivi Letterari, nella Biblioteca Civica G. Monticone di Canelli arrivano i Dopocena Storici, proposti dall’associazione Memoria Viva e organizzati in collaborazione con la Biblioteca stessa, cuore pulsante della cultura canellese. L’idea di base è di creare una serie di appuntamenti fissi in cui si alternino temi storici a carattere locale e argomenti di più ampio respiro, variando per quanto possibile la squadra dei relatori.

Presentazione "UOMINI E FIUMI. Storia di un'amicizia finita male", di Stefano Fenoglio

“I fiumi sono stati l’ambiente naturale che più di ogni altro ci ha permesso di diventare ciò che siamo”, sostiene il prof. Stefano Fenoglio nel suo ultimo saggio: “Uomini e fiumi. Storia di un’amicizia finita male”, che sarà presentato dall’Autore venerdì 20 ottobre prossimo, alle ore 21 nella Sala Aliberti della Biblioteca G. Monticone, in Via G.B. Giuliani 29 a Canelli, in un evento organizzato dall’Associazione Valle Belbo Pulita, in collaborazione con la Biblioteca G. Monticone, l’Associazione Memoria Viva di Canelli e l’UniTre Nizza – Canelli.

Mostra itinerante NON CREDERCI: SE TI TRATTA MALE E POI TI DICE NON LO FARÒ PIÙ ...

La Biblioteca Civica G. Monticone di Canelli ospiterà da lunedì 16 a venerdì  30 ottobre la mostra itinerante contro la violenza sulle donne “Non crederci! Se ti tratta male e poi ti dice: non lo farò più…”.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra la Biblioteca Monticone, l’associazione Memoria Viva Canelli e il Progetto SOS Donna per sensibilizzare, oltre che sulla violenza di genere, sul programma terapeutico “Umano” attivo alla Croce Rossa di Asti per il recupero degli uomini maltrattanti.

Ungaretti inedito a Canelli

Grazie all’appassionata richiesta di Bruna, il Comune di Canelli, l'Associazione Memoria Viva, il Club per l'UNESCO di Canelli e la Biblioteca Civica Gigi Monticone hanno dato vita all'evento "Bruna porta UNGARETTI INEDITO A CANELLI", che si terrà il 23 e 24 settembre prossimi con il seguente programma:

  • 23 settembre ore 16: inaugurazione della mostra "Ricordi d'amore del poeta Giuseppe Ungaretti" presso il salone teche di Villa Ungà (via Villanuova 87) dove saranno esposte fotografie, lettere scritte da Ungaretti a Bruna, libri rarissimi che contengono anche testi manoscritti di Ungaretti con pensieri e dediche
  • 23 settembre ore 18, Chiesa di San Leonardo in piazza San Leonardo:
    Presentazione ufficiale del progetto e proiezione in anteprima del lungometraggio "Ho inghiottito Ungà", la regia di Riccardo Banfi, con Bruna Bianco, Roberto Herlitzka, Letizia Bosi, Anna Maria Bianco Giannetti e Laura Bianco.

https://na01.safelinks.protection.outlook.com/?url=https%3A%2F%2Fwww.aboutafilm.it%2Fho-inghiottito-unga%2F&data=05%7C01%7C%7C7b0b3d785ae44e16619e08dba4ad7741%7C84df9e7fe9f640afb435aaaaaaaaaaaa%7C1%7C0%7C638284837168794903%7CUnknown%7CTWFpbGZsb3d8eyJWIjoiMC4wLjAwMDAiLCJQIjoiV2luMzIiLCJBTiI6Ik1haWwiLCJXVCI6Mn0%3D%7C3000%7C%7C%7C&sdata=Hg1KmAK38i3WwuNoVfKJWwFTTSUN%2BMEQfavWjsEHC5c%3D&reserved=0

  • 24 settembre ore 10, Villa Ungà   (via Villanuova 87) : Inaugurazione lungo la "Via degli Innamorati" dell'opera "Ungà", realizzata dall'artista Giancarlo Ferraris;
     
  • 24 settembre, 10:30 – 12:00: visite alla mostra "Ricordi d'amore del poeta Giuseppe Ungaretti" presso il salone teche di Villa Ungà (via Villanuova 87)

Tutti gli eventi di questo primo appuntamento con Giuseppe Ungaretti hanno il patrocinio dell’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato e sono a ingresso libero.

Presentazione RE DEI LAVORATORI E RE DEI VAGABONDI - I bottai di Canelli e dell'Astigiano (1890-1945)

Venerdì 15 settembre, alle ore 21, nella Sala Aliberti della Biblioteca G. Monticone di Canelli, via G.B. Giuliani 29, rivivrà l’epopea dei bottai dell’Astigiano, di Canelli in particolare.
L’occasione è data dalla prima presentazione del libro RE DEI LAVORATORI E RE DEI VAGABONDI - I bottai di Canelli e dell'Astigiano (1890-1945)di Giuliano Giovine (Ed. Impressioni Grafiche). Questo volume è il frutto di una ricerca iniziata quarant’anni fa, interrotta e poi conclusa negli ultimi due anni. L’autore ricostruisce la storia sociale dei bottai canellesi e dell'Astigiano attraverso documenti d’archivio, articoli di giornale e soprattutto impagabili interviste ai bottai che sono l’espressione di un mondo che non c’è più. Nei loro racconti vengono rievocati i passaggi nodali dell’origine degli stabilimenti delle botti, i momenti salienti dell’apprendistato e del lavoro dei bottai, i tratti essenziali della loro cultura materiale. In particolare vengono evidenziati quegli aspetti della mentalità identitaria dei bottai che li caratterizzò fino alla fine della loro vita lavorativa. Il tutto arricchito da un corredo fotografico straordinario.

Pagine