BANDO DI CONCORSO " Pierino Stroppiana"

 

                        Bando-loghi                         

  

 

 

 

 

 

 ALLA RICERCA DI QUELLO CHE UNISCE

A 150 anni dall’Unità d’Italia

persone, istituzioni, associazioni…

che hanno contribuito alla formazione

dell’identità nazionale

 

 

Bando di concorsoPierino Stroppiana

per gli studenti delle scuole elementari, medie e superiori

 

 

L’Associazione Memoria Viva, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Provinciale e del Comune di Canelli, bandisce un concorso rivolto agli studenti.

 

“Parlare di convivenza civile, di cittadinanza di identità nazionale,

nei suoi aspetti molteplici,

significa sensibilizzare le menti, nutrire il nostro essere, e aprire gli orizzonti

verso una memoria collettiva e una feconda condivisione storica.”

 

“Ricordare lo stato unitario (...), è un investimento per il domani, (...)

per  affrontare con accresciuta fiducia

le sfide che attendono e già mettono alla prova il nostro paese,

per tenere con dignità il nostro posto in un mondo che è cambiato e che cambia.”

Giorgio Napolitano

 

Quando l’Italia iniziò il suo percorso di unificazione nazionale, dovette fare i conti con una complicata geografia di Stati con culture e vicende secolari diverse, con identità locali molto forti, eredi di tradizioni legate alle differenti civiltà che hanno attraversato la penisola e che si possono ancora scorgere nelle pietre antiche che stratificano il nostro territorio. Nell’Ottocento, lo Stato italiano, come altri Stati europei, scelse comunque di costruire un’immagine nazionale unificante, un sentimento di appartenenza ad una cultura condivisa. L’unione mirava ad eliminare ed attutire le differenze, con la consapevolezza che queste scelte, se era vero che portavano con sé contraddizioni, competizioni, limitazioni, d’altro canto potevano generare dialogo, negoziazioni diplomatiche tra visioni diverse e l’esercizio di strategie per costruire attenzioni “nazionali” democratiche. In 150 anni l’identità italiana si è costituita, più forte delle tensioni che l'attraversarono, con una profondità e complessità che ne costituisce la ricchezza. Questo sforzo di unificazione, questo tenere insieme le diversità valorizzandole, questa storia costruttrice di identità collettiva crediamo possa essere oggi una forte testimonianza, insieme ai suoi protagonisti, per i nostri giovani.  L’Unità d’Italia, infatti, non è un dato acquisito, ma una costruzione lenta della quale sono state protagoniste le generazioni dei due  secoli scorsi, così come lo siamo noi oggi. E’ stata una storia segnata da grandi Personaggi che hanno lasciato tracce nei libri di storia, dei quali però, a volte tendiamo a dimenticarci.  Accanto a loro una miriade di persone poco note, ma non anonime, ha lavorato per far crescere il Paese, unirlo, favorirne lo sviluppo materiale e spirituale. Oltre ai singoli, diverse istituzioni e realtà associate hanno contribuito a realizzare l’Italia come è oggi, spesso rappresentando le esperienze più significative di crescita civile, laddove hanno saputo lavorare per unire, piuttosto che per dividere. A queste realtà aggregative locali come alle persone e ai personaggi sopra citati, vuol essere dedicata prioritariamente l’attenzione del concorso. Il concorso può essere un’occasione, per intraprendere un viaggio attraverso la memoria, alla ricerca del fondamento di una nazione unita e del senso che la parola cittadinanza oggi ricopre nella mediazione mai terminata tra individuo e comunità, locale e globale, orgoglio nazionale e confronto con l’alterità   Obiettivi Il concorso ha come scopo di :

  • Stimolare gli studenti alla ricerca di tutti quegli elementi che, nella storia di un territorio o  di una nazione, hanno contribuito a favorire l’unione politica, sociale  e culturale
  • Far emergere i profili di PERSONE  che sono stati, nel loro specifico ambito di vita (ruolo, professione, luogo, tempo), fautori di unione
  • Ricostruire le storie  delle AGGREGAZIONI, soprattutto locali, anche in relazione alla  trasformazione sociale, culturale, economica ed agricola del territorio
  • Far conoscere quegli ARTICOLI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA che più di altri

        hanno contribuito e  contribuiscono  a “fare gli Italiani”, cioè a creare un popolo unito.

  • Valorizzare  la testimonianza diretta o indiretta (quando per l’epoca storica non siano più presenti testimoni diretti), come:

     -  via privilegiata con cui le persone assimilano i valori e non solo i contenuti della storia, dell’educazione civile e della vita sociale,      -   fonte rilevante per la ricerca storico-didattica e patrimonio culturale del territorio.   Con queste finalità  si intende  rendere omaggio alla memoria di Pierino Stroppiana (deportato canellese nel 1944-45 nel campo di Concentramento di Bolzano, più volte  intervenuto nelle scuole per raccontare la propria esperienza Tali obiettivi, oltre che sollecitare una modalità didattica attiva e partecipata, volta ad integrare storia, memoria e territorio, si inseriscono a pieno titolo nelle finalità educative e  formative delle scuole di ogni ordine e grado.   Filoni tematici individuati I filoni tematici individuati sono: °     Le istituzioni (la famiglia, le parrocchie, gli istituti religiosi, l’associazionismo cattolico, i partiti, i sindacati e le associazioni di categoria, il mercato, la scuola, l’ospedale, l’esercito, le organizzazioni sportive, … ) °     La lingua e i dialetti °     La storia (vista anche attraverso la toponomastica e i monumenti) °     La cultura e la società (le donne e le discriminazioni di genere, le discriminazioni sociali, gli apporti politico-culturali, letterari e artistici dei giovani,  gli Italiani all’estero, la televisione italiana, la moda, la cucina, …) °     Il lavoro e l’economia (il latifondo e la piccola proprietà agricola, l’impresa, la moneta, le società di mutuo soccorso, le cantine sociali …)       Tipi di elaborazione Tali obiettivi potranno essere perseguiti ai fini del concorso con i seguenti diversi tipi di attività. Sono ammessi elaborati individuali o di gruppo appartenenti alle seguenti tipologie a)    multimediali b)   grafiche - figurative c)    scritte Gli elaborati, sia individuali sia di gruppo, dovranno essere presentati all’Associazione Memoria Viva tramite la scuola di appartenenza. I docenti della classe che partecipa al concorso si fanno garanti circa la correttezza del trattamento dei dati e lo svolgimento dei lavori. I materiali presentati al concorso non verranno restituiti. Gli autori e la scuola mantengono il copyright del lavoro, che potrà essere riprodotto solo con il loro nome ed eventualmente riutilizzato in futuro. Gli autori, partecipando al concorso, danno la loro disponibilità ad un’eventuale riproduzione, pubblicazione e presentazione al pubblico del loro lavoro, secondo le modalità che l’Associazione Memoria Viva riterrà idonea.   Partecipazione al Concorso   Possono partecipare al concorso tutte le scuole della Provincia di Asti. Il bando di concorso è articolato su 3 sezioni: 1° sezione  : scuole primarie 2° sezione :  scuole secondarie di primo grado 3° sezione :  scuole secondarie di secondo  grado Tutti gli elaborati, privi di qualsiasi elemento identificativo (nome della Scuola, dati anagrafici degli alunni e degli insegnanti, ecc.) dovranno pervenire in plico chiuso presso la sede  dell’Associazione Memoria Viva  (Piazza Repubblica  - 14053 Canelli ) entro il giorno 8 maggio 2011, con l’indicazione sulla busta “Concorso “Pierino Stroppiana”. Di ogni elaborato, presentato sotto qualsiasi forma, dovrà essere allegata una versione informatizzata su CD, DVD o altro supporto, ugualmente priva di elementi identificativi. I dati anagrafici (nome e cognome del/i partecipante/i, nome e cognome degli insegnanti referenti, classe e scuola di appartenenza con relativi recapiti telefonici) dovranno essere scritti chiaramente nella scheda di partecipazione allegata al bando, scheda che dovrà essere inserita in una busta chiusa da accludere al pacco contenente l’elaborato, pena l’esclusione dal concorso.   Valutazione e riconoscimenti Tutti gli studenti partecipanti a livello individuale o di gruppo avranno un riconoscimento personale, in forma di attestato. Ai fini del concorso, la valutazione sarà effettuata da una commissione apposita, nominata dal direttivo dell’Associazione Memoria Viva, di cui faranno parte docenti dei diversi ordini di scuola e  membri dell’Associazione. La composizione della commissione sarà individuata entro la scadenza del concorso. La commissione giudicatrice individuerà i lavori ritenuti particolarmente significativi; ai fini della valutazione dei lavori si terrà in considerazione:

  • la coerenza con il tema del concorso,
  • la ricchezza dei contenuti
  • l’originalità della forma utilizzata,

dando particolare valore ai lavori elaborati intorno ad incontri con testimoni diretti o indiretti, mentre avranno  scarsissimo rilievo eventuali elaborati basati sul sistema del “copia/incolla”. Il giudizio della commissione è insindacabile. L’entità complessiva dei premi a disposizione è di € 1500. All’interno di ogni sezione saranno premiati i tre migliori elaborati con premi in denaro, per un valore complessivo di € 500.  La commissione, in base al numero e alle caratteristiche degli elaborati che perverranno per ciascuna sezione, si riserva di assegnare o meno tutti i premi previsti o di provvedere ad un diverso  bilanciamento nella suddivisione dei premi. Delle valutazioni sarà redatto dettagliato verbale, depositato presso l’Associazione Memoria Viva; le motivazioni dei premi saranno rese pubbliche in occasione della premiazione. I partecipanti e i risultati del concorso saranno resi noti entro la fine di maggio 2011 e pubblicati sulla stampa locale. La consegna degli attestati e dei premi si terrà durante le  celebrazioni della  festa della Repubblica.  In tale occasione saranno presentati pubblicamente i lavori più significativi.   Segreteria organizzativa Associazione Memoria Viva – piazza Repubblica ,3   -  14053 Canelli (At) Telef. 0141 – 832608 - Cell. 3200440013 e-mail  : info@memoriaviva-canelli.it

 

CONCORSO “PIERINO STROPPIANA II Ed.”

 

ALLA RICERCA DI QUELLO CHE UNISCE

A 150 anni dall’Unità d’Italia persone, istituzioni, associazioni…che hanno contribuito alla formazione dell’identità nazionale

SCHEDA  DI  ADESIONE

(da spedire insieme al materiale)

 

SCUOLA___________________________________________________________________ INDIRIZZO_________________________________________________________________ CITTA’ _____________________________TEL_________________FAX________________ E-MAIL____________________________________________________________________ STUDENTE_____________________________________CLASSE_______________________ NOMINATIVI DEL GRUPPO_____________________________________________________   _________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________ INSEGNANTE/I DI RIFERIMENTO______________________________________________ TITOLO DELL’ELABORATO_____________________________________________________ TIPOLOGIA:                     MULTIMEDIALE                     GRAFICO – FIGURATIVA                     SCRITTA L’opera si propone (breve descrizione dei temi trattati e delle finalità dell’opera) _________________________________________________________ _________________________________________________________ _________________________________________________________ _________________________________________________________ _________________________________   Data……………………                                                                        L’Insegnante referente                                                                                                       ……….……………………...  

_______

Il sottoscritto …………………………… nella sua qualità di Dirigente Scolastico di …………………….…………………….

AUTORIZZA

l’Associazione MEMORIA VIVA ad utilizzare gli elaborati per fini istituzionali, senza scopo di lucro, nel corso di esposizioni, eventi comunicativi, ecc., e a diffonderne pubblicamente l’immagine ed i contenuti (giornali, brochures, internet, ecc.) fatta salva la paternità intellettuale della Scuola, della quale sarà data segnalazione. Per quanto riguarda l’utilizzo di eventuali foto, dichiara di aver acquisito il consenso degli interessati, o dei genitori, se trattasi di minori,, conservato agli atti dell’istituzione scolastica; prende altresì atto che durante la premiazione saranno scattate e successivamente diffuse foto dei minori e degli adulti che vi parteciperanno, e si assume totalmente l’onere di acquisirne a tale scopo il consenso, assolvendo fin d’ora l’Associazione ”Memoria viva” da qualsiasi responsabilità in tal senso. Data……………………………                           Timbro dell’Istituzione Scolastica e firma del Dirigente (o del vicario)                                                                                ………………………………………………………….……………..